biography

Paola Michela Mineo è un’artista italiana che vive e lavora tra Milano e Pietrasanta; nel corso dei suoi anni di ricerca “ ha elaborato un nuovo linguaggio scultoreo, frammentario ma vivo, dinamico ed empatico “  .Si laurea in Architettura tra il Politecnico di Milano e quello di Atene, e proprio in quel periodo comincia a rielaborare una nuova consapevolezza del valore intrinseco del calco; non mera copia di sculture o strutture architettoniche, bensì elemento dotato di valore, medium di una storia. Anche il tema del frammento archeologico e dell’incompiuto si radicano in quegli anni rimanendo fino ad oggi i capisaldi di un linguaggio interdisciplinare che spazia dalla performance art alla fotografia, dalla scultura più pura alle installazioni. Tutti mezzi espressivi di un’arte che lei definisce a tutti gli effetti relazionale, sia nel rapporto diretto tra artista e il suo soggetto/oggetto ritratto, sia nella relazione finale che crea col pubblico, che fruisce con l’opera trattandola come un dispositivo carico di vita e di storia, come una “struttura gestuale” da vivere in prima persona e, quindi, reinterpretare. Negli anni ha esposto il suo lavoro al Salone Donatello della Basilica di San Lorenzo a Firenze, al Museo degli Ipogei di Trinitapoli, al Museo Internazionale della Maschera Amleto e Donato Sartori, al Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea a Roma (MLAC). A Milano ha portato il suo lavoro alla Fondazione Marco Mantovani, ed è stata invitata dall’Università IULM ad esporre come artista junior a fianco dello scultore Helidon Xhixha, durante il progetto IULM Open Air. Sempre a Milano, allo Spazio Oberdan, da luglio ad ottobre 2014, ha portato per tre mesi di mostra personale, un lavoro sviluppato all’interno del’ICAM, l’Istituto a Custodia attenuata per Madri, struttura detentiva che fa capo al carcere di San Vittore.Nel 2015 progetta per La Vigna di Leonardo, un’installazione dedicata al giardino di Casa degli Attellani, ed è direttore artistico nel 2016 di #waitingwalkingwater, evento organizzato in Franciacorta durante The Floating Piers di Christo e Janne-Claude. Nel dicembre del 2016 fonda con l’artista italiana Francesca Fini, Performance Art tv, la prima “social tv” in italia dedicata alla diffusione in diretta streaming sui social network di azioni performative.  

 

Paola Michela Mineo is an Italian artist who works and live between Milan and Pietrasanta. “She has developed a new sculptural language, fragmentary but alive, dynamic and empathetic” She graduated in Architecture st Politecnico di Milano and Politecnion of Athens; in that period she began  working on a new meaning of human cast considered not as a simple copies of sculpture or architecture, but as a medium of a story. The theme of archaeological fragment was born during the same years remaining the main features of an interdisciplinary language that ranging from performance art to photography, from the pure sculpture to installations. These tools of visual art, however, are the expression of a relational art ; infact she create a relation with the object/subject of her portraits, but she also continued this relation with the public of her works, that generally are open to the phisical interaction, wearing the casts or moving in the artistic space.Over the years he has exhibited her work at Salone Donatello of Basilica di San Lorenzo in Florence, at the Museo degli Ipogei of  Trinitapoli, at the Amleto and Donato Sartori International Mask Museum, at the Museum and Laboratory of contemporary art in Rome (MLAC). In Milan she brought her work to the Foundation Marco Mantovani, and she was invited to expose as a junior artist with  the sculptor Helidon Xhixha, during the project IULM Open Air, in the university. Also in Milan, at Spazio Oberdan, from July to October 2014, she done a solo exhibition, the result of a two-year work developed in ICAM, an experimental prison under the San Vittore department. In 2015 she plans for the Vigna di Leonardo an installation dedicated to the garden of the House of Attellani, she also work as art director of #waitingwalkingwater, an event organized in 2016 in Franciacorta during The Floating Piers of Christo and Janne-Claude. In december 2016, she founded with the italian artist francesca Fini, Performance art tv, the first “social TV” dedicated to the live streaming on social networks of performance art works.